Maria Lisa Longo

Vive e lavora a Santa Maria di Sala (VE). Si interessa da sempre a diverse forme espressive e materiali. L’incontro con la creta è stato del tutto casuale.
Ora “la terra” è diventata la materia con cui elaborare il suo percorso artistico ed espressivo, spaziando dal figurativo alla modularità, nella complessa ricerca della forma che nello spazio cerca equilibri, stabilità, leggerezza, direzioni.
Agire sulla materia, manipolarla, trasformarla è un’espe-rienza vitale ed affascinante che evolve e cambia continuamente. L’argilla non smette mai di sorprendermi per la sua capacità di stabilire contatti tra elementi lontani ed estranei, per l’imprevedibilità del risultato, per l’in-credibile varietà di tecniche e materiali con cui speri-mentare.
A volte mi perdo, inseguendo una traccia, un’impronta o nel solo piacere di toccare la terra: mi muovo in modo istin-tuale, lascio libere le mani a sviluppare un’emozione, com-pletamente sganciata dalla necessità di dare un senso, di creare o rappresentare.
L’esprimermi nasce, prioritariamente, dal bisogno di tra-scendere il quotidiano e, al tempo stesso, trarre la linfa indispensabile per vedere di più, sentire di più.
La terra, che spesso utilizzo con legno, ferro, fili …, meglio si adatta alla mia manualità e creatività di tipo progettuale-costruttivo. Ogni opera rappresenta un’impresa, che va oltre la manipolazione della terra e le diverse tecniche di lavorazione e decorazione. Infatti, bisogna affrontare “la sfida” del come realizzarne il montaggio, tenendo conto della fragilità della ceramica, della solidità e sicurezza dell’opera e, non ultima, la necessità di trasportarla con facilità. Più che un’artista, mi sono sempre considerata “un’artigiana” con il gusto di costruire e trovare soluzioni.
Le mie opere in creta spaziano dal figurativo alla modularità, ricerco forme che, nello spazio, trovino equilibrio, stabilità, leggerezza, direzioni. Le vesto, poi, di colori intervenendo con ingobbi, vetrine e smalti.
Il modulo e gli intrecci sono come un “gioco” che mi conduce oltre l’umano, oltre me stessa, verso quanto mi circonda e l’infinità delle cose. Nella costruzione di moduli intercambiabili, attraverso l’esplorazione di piante, fiori, acqua e terra, si concretizza la voglia di dar vita a nuove forme e desideri.
Da tempo seguo dei particolari percorsi laboratoriali con bambini, ragazzi e adulti normodotati o con disabilità, con le finalità di educare al linguaggio plastico, favorire lo sviluppo della creatività e di abilità artistiche. Al contempo, in questa condivisione di lavoro ed esperienze, traggo spunto per altre suggestioni, curiosità, idee e progetti.

Omaggio a Bruno Munari 2018 | Alberi in ceramica e plexiglass