Dario Roman

Dario Roman docente nei licei, si è laureato in Sociologia all’Università di Trento e in Filosofia teoretica all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha pubblicato alcuni articoli di ricerca per la rivista Esodo e per la Montedit di Milano la raccolta di aforismi Sguardi e pensieri. Effettua interventi pubblici e seminariali su tematiche di carattere filosofico. E’ membro delle associazioni culturali Nemus e S.F.I. (Società Filosofica Italiana), nonché dell’A.R.I.F.S. (Associazione nazionale per la Ricerca e per l’insegnamento della filosofia e della storia).

Uno sguardo dall’alto, testo filosofico incentrato sulla perdita della “qualità” nell’occidente moderno, secondo René Guénon: assai più potente di ogni filosofia, la metafisica orientale, utilizzata come ontologia, si trasforma in uno strumento interpretativo dell’Occidente moderno molto più ampio ed efficace. A partire dalla dottrina dei cicli cosmici si giunge a una nuova interpretazione del tempo e dello spazio, fino a comprendere il determinismo insito negli avvenimenti di ogni epoca. Ne deriva una lettura del mondo moderno quanto mai contrassegnata dalla perdita degli elementi qualitativi (essenza, sintesi, unità, interiorità, stabilità, silenzio, beatitudine, eternità) a favore di un marcato aumento dei fattori quantitativi, nonché degli effetti della conseguente manifestazione della “legge della materia” (sostanza, molteplicità, divisione, antagonismo, uniformità, esteriorità, mutamento, accelerazione, solidificazione, instabilità, disordine, confusione).