bAivlis (Silvia Brusegan)

 

Simbolicamente calendarizzata in occasione della festa della Liberazione, la mostra personale dell’Artista veneziana bAivlis, rappresenta un significativo stimolo a spezzare le catene che fanno dell’umana astrazione digitale, un potente virus del XXI secolo, regalando quella visione delle cose, che spesso l’Arte, sa fare meglio di qualsiasi altro mezzo di comunicazione.

Dando voce ad un intreccio di segni che rompono gli schemi e stravolgono il panorama, INTRECCI DIGITALI è una bolla nello stress quotidiano. Uno spazio liberato dalla gioia di vivere attraverso la pura emozione dei colori. Una produzione di opere che nascono dalla mancanza di tempo in relazione all’estremo bisogno di fare Arte. In questi attimi di quiete ritagliati nelle giornate, l’artista, giocando con gli strumenti applicativi fotografici dello smartphone, attraverso l’uso delle dita, crea, sovrappone, cancella e sconvolge, fino ad arrivare, in pochi minuti (qualche ora delle volte), a qualcosa che, nella fretta, racconta un’impronta emotiva meritevole di essere riprodotta su tela. Passando così, da un processo creativo estremamente veloce ad uno decisamente più lento e riflessivo.

bAivlis rivoluziona con estrema dinamicità il suo lavoro, trasformando l’angoscia esistenziale riconducibile ad una società digitale senza più tempo da dedicare a se stessi, in opportunità per immergersi nella realtà soggettiva, fatta di istinti e costantemente animata dalle intense fluorescenze del mondo interiore.

bAivlis nome d’arte (Silvia Brusegan) originaria della Riviera, studia al Liceo Artistico di Venezia. Amante del fare Arte è da anni occupata nel settore digital, disegna e dipinge per amici e familiari, pubblica poesie, iniziando solo recentemente ad esporre in collettive e in spazi privati.

Symbolically scheduled on the occasion of the Liberation Day, the personal exhibition of the Venetian artist bAivlis at the Visioni Altre Gallery in Campo del Ghetto Novo in Venice, represents a significative urge to break the chains that make of the humans’ digital abstraction, a powerful virus of the XXI century, gifting that vision of things that often Art gives better than any other means of communication.

Giving voice to a weaving of signs that break the schemes and twist the scenery, INTRECCI DIGITALI is a bubble in the daily stress. A space freed by the joy of living through the pure emotion of colours. A production of works that arise from the lack of time in relation to the extreme need to do Art. In this quiet moments cutted out from days, the artist, playing with the photographical tools of her smartphone, by using her fingers, creates, overlaps, deletes and derange, until, in a few minutes (sometimes hours), she arrives to something that, in a hurry, tells an emotional imprint deserved to be portrayed on canvas. Coming form an extremely fast creative process to one that is definitely more slow and thoughtful, Silvia revolutionates with extreme dynamism her work, turning the initial existential distress that brings back to a digital society without no more time to dedicate to one self, in an opportunity to dive into a subjective reality, made of instincts and constantly animated by the intense fluorescences of her interior world.

THE ARTIST

bAivlis (Silvia Brusegan) from the Riviera, studies at Liceo Artistico di Venezia. Lover in making Art and since years occupied on the digital sector, draws and paints for friends and family, publishes poems, starting only recently to exhibit in artistic manifestations and in private spaces.

received_2754693371263286
INTRECCI DIGITALI 2020
received_605636366677152
INTRECCI DIGITALI 2020
received_127741561764052
INTRECCI DIGITALI 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *